La ricetta del Pasticciotto. Il dolce salentino per eccellenza. 

La ricetta del Pasticciotto. Il dolce salentino per eccellenza.

 

 

Voglia di dolce? Eccovi subito accontentati. In questo articolo vi diamo la ricetta del dolce salentino più conosciuto e amato al mondo. Uno dei simboli del nostro Salento. Un connubio di elementi semplici che sprigionano una bontà infinita. Spesso presente nei post sui nostri canali social; qui viene ritratto come uno dei protagonisti più amati della nostra Community.

La leggenda narra che Nicola Ascalone, pasticcere di Galatina, in Provincia di Lecce, un giorno imprecisato del 1745 nella sua bottega pasticcera, non potendo riutilizzare una piccola quantità di impasto e poca crema per un’intera torta, decise di riutilizzarli ponendoli in un piccolo stampino di rame. Quello che ne venne fuori è ormai storia, una storia che delizia i palati di tutti noi adoratori. Ed ecco a voi la ricetta dell’originale Pasticciotto.

Per preparare il Pasticciotto occorrono:

Per la frolla:

  • 250 gr di farina 00
  • 125 gr di strutto (il vero pasticciotto non ha burro ma strutto)
  • 125 gr di zucchero semolato
  • 1 uovo
  • mezzo cucchiaino di ammoniaca
  • scorza grattugiata di un limone

Per la crema pasticcera:

  • 1/2 litro di latte
  • 3 tuorli
  • 90 gr do farina00
  • 160 gr di zucchero semolato

Come prima cosa si prepara la frolla. Si uniscono farina e zucchero e si lavorano velocemente insieme allo strutto. Si aggiungono, uova, scorza di limone e ammoniaca e si lavora giusto il tempo di amalgamare gli ingredienti. Si avvolge la pasta in una pellicola e si mette a riposare in frigorifero per almeno mezz’ora (anche se l’ideale sarebbe di far riposare l’impasto per diverse ore).

Passiamo ora alla preparazione della crema. Uniamo lo zucchero ai tuorli e lavoriamo il tutto finché non diventa omogeneo e spumoso. Aggiungiamo la farina e incorporiamo delicatamente. Versiamo il latte dentro al composto di uova e zucchero e mischiando bene con una frusta. Versiamo il tutto in pentola e facciamo cuocere a fuoco lento, mescolando in continuazione. La crema risulterà molto densa. A questo punto versiamo in una ciotola, ricopriamo con una pellicola e facciamo raffreddare completamente. Facciamo riposare anche la crema qualche ora in frigo.

A questo punto, si prendono degli stampi in alluminio della tradizionale forma ovale. Se hanno il rivestimento antiaderente si foderano direttamente con la pasta frolla stesa a mano dello spessore di circa mezzo centimetro. Altrimenti vi consigliamo di spennellare un pò di burro nelle formine. 

Riempite gli stampi con la crema e ricoprite con un altro strato di frolla, che sigillerete con le mani andando a eliminare la parte di pasta in eccesso. Spennellate il Pasticciotto, sulla sua cupoletta, con un uovo sbattuto e fate cuocere in forno preriscaldato a 200° C per 15/20 minuti, finché non avrà raggiunto un bel colore dorato. Non vi resta che gustarlo caldo a colazione o per uno spuntino goloso.

P.S. Questa è la ricetta del tradizionale pasticciotto ma ormai ne esistono delle varianti originali e creative. Perciò, date anche voi spazio all’inventiva e divertitevi con cacao, amarene, mandorle, pistacchi, marmellate, cioccolata e molto altro.